Corriere Canadese

TORONTO - Cinque reti a Columbus per voltare pagina dopo l’imbarazzante sconfitta di Ottawa e dare un segnale forte a tutto il campionato. Venerdì sera Toronto Fc ha voluto ricordare perché in molti, anche fuori dal Canada, cominciano a pensare che quella in mano a Greg Vanney sia forse la squadra più forte di sempre nella Mls.
Senza Altidore e Giovinco è Victor Vazquez a prendersi le luci della ribalta con una doppietta su calci da fermo. Prima realizzando un rigore, non scontato visto che Tfc quest’anno ne ha già sbagliati tre, e poi con una geniale punizione rasoterra che passa sotto la barriera e beffa il portiere di Columbus.
Applausi anche per il debuttante Ben Spencer, che serve la palla del 2-0 a Morrow e si dimostra buona riserva per l’attacco. Così come ottimi segnali arrivano dai due canadesi Osorio e Hamilton, che segnano rispettivamente il quarto e il quinto gol dimostrando una volta di più che la rosa di Vanney è ampia e piena di ricambi all’altezza di una squadra che voglia vincere il titolo.
Con la vittoria su Columbus, che regala ai Reds anche la Trillium cup per la gioia dei tifosi canadesi, Bradley e compagni salgono a quota 29 punti in campionato confermandosi capolista per distacco sia nella Eastern conference che nella classifica generale. E per far capire la grandiosità di quello che Tfc sta facendo in questa stagione basta sottolineare che i punti fatti in queste 14 giornate sono gli stessi che i Reds raccolsero nell'intera stagione 2013, anno primo dell'era Nelsen. Evidentemente è cambiato tutto se appena quattro anni dopo quella che era “la squadra più ridicola del mondo” è diventata una delle più serie pretendenti al titolo e forse una delle squadre più forti di sempre nella storia della Lega nordamericana.
L'unico neo riguarda Giovinco, che venerdì avrebbe voluto giocare e lo ha espresso anche via Instagram. Una cosa che non ha fatto piacere a Vanney, che lo ha sottolineato in conferenza stampa. Insomma, non c'è pace nel rapporto tra i due.
 

About the Author

Leonardo N. Molinelli

Leonardo N. Molinelli

More articles from this author