Corriere Canadese

TORONTO - Nel braccio di ferro tra John Tory e Kathleen Wynne tornano a galla antiche ruggini e incomprensioni del passato. Dobbiamo fare un passo indietro e andare alle elezioni provinciali del 2007. Tory all’epoca era il leader del Progressive Conservative in corsa contro il Partito Liberale guidato dal premier uscente Dalton McGuinty. Per tutta la campagna elettorale i conservatori apparivano in netto vantaggio nei sondaggi, fino alla proposta - improvvida - da parte di Tory di aprire i finanziamenti pubblici alle scuole religiose. E per ribadire l’importanza della proposta, Tory decise di candidarsi nel distretto di Don Valley West, sfidando proprio la Wynne, all’epoca ministro dell’Istruzione. Per Tory fu una disfatta: venne sconfitto, i liberali vinsero le elezioni, e fu costretto a rimanere leader del partito senza un seggio in parlamento, fino alla batosta del 5 marzo 2009, quando perse le elezioni suppletive ad Haliburton-Kawartha Lakes-Brock e lasciò la guida del partito. A dieci anni di distanza, è ancora la Wynne a mandare all’aria i progetti politici di Tory: evidentemente dieci anni non sono stati sufficienti per mettere da parte le ruggini del passato.

About the Author

Francesco Veronesi

Francesco Veronesi

More articles from this author