Corriere Canadese

TORONTO - Da ieri J. Philip Parappally non è più al timone dello York Region District School Board. 
Visto che non ha ceduto alle pressioni e non ha rassegnato le dimissioni, ci ha pensato il Board a dare il benservito al suo direttore all’Istruzione.
La decisione, già scritta peraltro, è stata presa nel meeting dei trustee a porte chiuse di martedì scorso ad una settimana dall’approvazione dei fiduciari scolastici di una mozione unanime per iniziare il “laborioso e complesso” processo per licenziarlo con causa. Ieri, nero su bianco, è arrivata la comunicazione ufficiale. “Lo York Region District School Board è alla ricerca di un nuovo direttore all’Istruzione - si legge nella nota a firma della chair Loralea Carruthers - vogliamo riconoscere i 17 anni di servizio con il nostro Board di Mr. Parappally e desideriamo augurargli  tutto il meglio nel prossimo capitolo della sua vita”. La Carruthers ha anche scritto che il Board sta lavorando con il Ministero della Pubblica Istruzione “per decidere quale è il miglior candidato per ricoprire il ruolo che è stato di Parappally dal 2014. In attesa della decisione il director of education sarà l’associate director Leslie Johnstone. 
Per tanti mesi i genitori, gli studenti e la comunità tutta hanno inutilmente criticato l’operato di Parappally chiedendo ai trustee di metterlo alla porta. Aver seminato una cultura della paura, aver cercato di minimizzare gli episodi di islamofobia e razzismo, aver  ordinato al personale di spiare i colleghi sono alcune delle accuse contro di lui emerse nel rapporto degli ispettori Case e Herbert. Parappally è stato, a detta di molti, la causa dei mali in seno al Board.
La svolta è avvenuta quando Parappally è stato ampiamente criticato sia sul lato umano che professionale nel rapporto dei due ispettori nominati dal ministro Hunter. Il Board adesso è sotto la lente d’ingrandimento del Ministero della Pubblica Istruzione che ha anche fatto trapelare la possibilità di commissariare il provveditorato che è il terzo per grandezza nella provincia dell’Ontario. La situazione è seria, non è più permesso far finta di nulla e nascondere le magagne.
La richiesta del ministro Mitzie Hunter di rivedere il contratto di dieci anni di Parappally - in Ontario i direttori all’Istruzione firmano di solito contratti di quattro o al massimo cinque anni - così come la garanzia di un posto di lavoro di rilievo a vita nel Board oltre ad una accurata valutazione indipendente del suo lavoro da consegnare al Ministro entro la fine di maggio, hanno spinto il Board a prendere provvedimenti immediati. «I trustee dello YRDSB hanno promesso pubblicamente di fare cambiamenti positivi e immediati - ha detto la Carruthers - auguriamo tutto il bene possibile all’ex direttore all’Istruzione che ha lavorato presso lo YRDSB per molti anni. Ma il rapporto consegnato al Ministro ha messo in luce che il Board ha bisogno di una svolta».
La Johnstone, che sarà alla guida temporaneamente del Board lo scorso anno ha scatenato polemiche tra i direttori delle scuole dopo aver chiesto, assieme ad un altro membro dello staff, agli stessi direttori di intercettare la posta inviata a tutte le scuole da una coalizione di genitori ordinando loro di inoltrare il documento all’ufficio centrale. Solo dopo che l’Ontario Principals’ Council è stato bombardato da domande e lamentele, il Board ha fatto marcia indietro. 
All’orizzonte non si vede ancora la fine dei problemi per questo Board oramai da tempo al centro di numerose polemiche.

About the Author

Mariella Policheni

Mariella Policheni

More articles from this author