Corriere Canadese

Mariella Policheni
 
TORONTO - Inizialmente la stima dello York Region District School Board per rimpiazzare il seggio della trustee dimissionaria Elgie è stata di 300mila dollari ma ora questa è stata ridotta a 162mila. 
Fino alla settimana scorsa  la Town of Georgina, avvalendosi delle indicazioni fornite dalle elezioni municipali del 2014 aveva calcolato il costo pari a 300mila dollari, una cifra che ha sconvolto i residenti ed alcuni fiduciari scolastici: non si può giustificare un costo così elevato - hanno detto in molti - soprattutto considerato che l’elezione comunale è solo a un anno e mezzo di distanza.
La Town of Georgina ha adesso fornito un nuovo preventivo che è la metà di quello iniziale. “Durante la nostra analisi siamo stati consapevoli delle preoccupazioni per quanto riguarda i costi eccessivi e guardato al modo di rendere il tutto efficiente (ad esempio con meno tabulatrici di voto, riduzione del numero di sedi per il voto anticipato e meno personale) -  ha scritto il segretario comunale John Espinosa allo YRDSB - Crediamo che questa nuova stima possa essere una rappresentazione giusta dei costi relativi allo svolgimento di un’elezione aperta, trasparente ed equa”.
Di fatto il Board deve ancora prendere una decisione su come riempire il seggio vacante che è stato della Elgie dal 2000. In una riunione all’inizio di questo mese i trustee hanno votato a favore delle consultazioni comunitarie in modo di dare ai residenti di Georgina voce in capitolo: le consultazioni sono in programma per giovedì prossimo in due scuole superiori della zona. «Scegliere la consultazione comunitaria per riempire il seggio vacante di un trustee è importante perchè rispetta i genitori che vogliono far sentire la propria voce, soprattutto in questo momento in cui il Board è fonte di preoccupazione - ha detto la chair Loralea Carruthers - puntiamo anche ad avere un trustee che rappresenti Georgina nel minor tempo possibile, ma vogliamo farlo in un modo che coinvolga e rispetti la comunità». Tra i suggerimenti del Board ci sono anche quelli di un processo di nomina o di assegnare il seggio al secondo classificato nelle elezioni del 2014: entrambe le opzioni sarebbero notevolmente più economiche di una elezione suppletiva. Nel caso si decidesse per una nomina, l’assunzione di un consulente verrebbe a costare dai 10mila ai 60mila dollari. Sia con la byelection che con la nomina si giungerebbe ad avere il nuovo trustee entro la fine di maggio. Secondo il docente di scienze politiche della Western University Zack Taylor, le nomine a livello comunale non sono poi così rare, soprattutto quando si è oltre la metà del mandato. Nel 2015-2016 in seno al Toronto District School Board, secondo un portavoce, ci sono state quattro byelection che sono costate un milione di dollari. Se si decide per una elezione suppletiva occorre farla con lo stesso rigore di una normale elezione - ha detto Taylor - come molti dicono “la democrazia è costosa”». Secondo un preventivo fornito dalla Town of Georgina circa $50mila sono destinati agli stipendi durante le elezioni, $33mila per il noleggio di attrezzature mentre per spese di spedizione e gli articoli di cancelleria la spesa si aggira sui 20mila dollari. 
Per il residente di Georgina Jason Koblovsky, nonostante il costo elevato, la gente deve poter dire la sua. «Ritengo che il costo di una byelection in questo momento funga da diversivo - ha detto Koblovsky - la gente non ne può più della politica del Board... vogliamo solo che la nostra voce  venga ascoltata. A causa di ciò che è accaduto con Elgie, c’è un sacco di interesse per questa elezione quindi è una buona opportunità per la comunità di scegliere il miglior candidato».

About the Author

Mariella Policheni

Mariella Policheni

More articles from this author