Corriere Canadese

TORONTO - «Il Columbus Centre appartiene alla comunità. 
Questo certificato attesta che io sono il proprietario numero 2.708 di un piede quadrato del Columbus Centre e come me chissà quanti altri italocanadesi. Il board di Villa Charities non ci ha messo un dollaro per costruirlo ed ora vuole venderlo. Ma stiamo scherzando?».

TORONTO - «Il ministro Hunter ha chiesto di incontrare Angela Kennedy dal momento che il governo ha stanziato i $32.8 milioni al Toronto Catholic District School Board. Villa Charities, che tramite il suo Ceo e presidente Anthony DiCaita ha detto che sarà felice di cogliere l’opportunità di partecipare alle discussioni con il Ministro, in realtà non ha voce in capitolo». 

TORONTO - Il braccio di ferro tra Villa Charities e il Toronto Catholic District School Board da un lato e la comunità e numerosi politici dall’altro, continua.

TORONTO - La polemica sul nuovo Columbus Centre infiamma la comunità italo-canadese e dopo un iniziale disinteresse adesso anche la politica provinciale sembra essersi buttata sul caso. La lettera con cui il ministro provinciale dell’Istruzione Mitzie Hunter boccia il progetto e di fatto mette in stand-by l’ok ministeriale al trasferimento della Dante Alighieri all’interno del nuovo edificio crea infatti una svolta nella vicenda.

TORONTO - C’è la demolizione del Columbus Centre e la costruzione di un edificio di quattro piani in grado di ospitare sia la scuola Dante Alighieri Academy che il Columbus Centre nel nuovo e tanto contestato progetto di Villa Charities e del Toronto Catholic District School Board. 
 
Il valore del progetto si aggira tra 1.2 e 1.5 miliardi di dollari