Corriere Canadese

TORONTO - Anche nelle primarie del 30 aprile il Nord America si  smarca dal risultato italiano e premia Andrea Orlando. Mentre infatti nel BelPaese l'ex segretario del Partito democratico veniva riconfermato con oltre il 70 per cento dei voti, Canada e Stati Uniti hanno premiato il ministro della Giustizia con quasi il 60 per cento delle preferenze.
Secondo i dati raccolti dal Corriere, visto che fino a domani il partito sembra che non ufficializzerà i numeri, Orlando avrebbe raccolto 1,335 voti, contro i 911 di Matteo Renzi.
Decisivo, nella vittoria del ministro della Giustizia del governo Gentiloni l'apporto del circolo di Montréal, che con i suoi 718 voti per Orlando (Renzi si è fermato a 61) ha di fatto contribuito al successo con quasi il 54 per cento delle preferenze totali del candidato. 
Il ministro ha poi vinto anche a Toronto (200 a 114) e Vancouver (247 a 23), confermando il dato di un Canada fortemente legato all'idea di un Pd più orientato ad allargarsi a sinistra che non al progetto neocentrista del neo segretario.
Si conferma invece fortezza del renzismo Ottawa, dove il neo segretario vince facilmente con 298 voti contro gli appena sei di Orlando. Il giovane circolo della capitale canadese si conferma così ancora una volta quello che porta più voti alla mozione In Cammino in tutta la circoscrizione Centro e Nord America.
In Canada Orlando vince con 1,171 voti contro i 496 di Renzi. Il segretario invece prevale negli Stati Uniti, dove però i numeri sono decisamente più bassi.
Negli States infatti il neo segretario raccoglie 415 voti contro i 164 di Orlando. Renzi vince a Boston (19-1), Houston (9-7), Los Angeles (17-8), Philadelphia (199-14); San Francisco (54-6) e Washington (42-24). Orlando invece vince agevolmente a Chicago (27-5) e di misura a New York (71-70).
Alla luce di questi dati sembra quindi le due liste si divideranno i quattro posti a disposizione per la circoscrizione all'Assemblea nazionale che si riunirà domenica prossima a Roma e darà il via a questi nuovi quattro anni di segreteria Renzi. Gli eletti saranno quindi Eugenio Marino ed Elena Luongo per la lista Orlando, Pasquale Nestico e la “canadese” Angela Maria Pirozzi per quella Renzi.

About the Author

Leonardo N. Molinelli

Leonardo N. Molinelli

More articles from this author